Se vuoi acquistare le interpretazioni di Franco Tufano vai su: Cubo Musica di TIM o su Itunes Music close ×
+

TALENT SHOW: POSSIAMO FARNE A MENO

“I TALENT SHOW SONO DAVVERO L’UNICA STRADA PER SFONDARE NELLO SPETTACOLO?”

Prepararsi giornalmente per acquisire a 360 gradi, maestria e abilità nel settore è di norma quello che dovrebbe fare chiunque voglia fare sul serio nel mondo della musica.
Se bastasse saper cantare bene avremmo il mondo dello spettacolo saturo di cantanti, ma così non è:
IL MONDO DELLO SPETTACOLO È SATURO DI PERSONAGGI creati ad hoc dai registi allo scopo di vendere spazi pubblicitari. Questo è il vero obbiettivo di un mass media ed ecco che tu, firmi inconsciamente quel tanto sospirato contratto convinto di entrare nel mondo dello spettacolo ignaro del fatto che stai entrando nel tunnel dello show business.
Ricordalo!
L’orchestra sarà a tua disposizione, le lucine si accenderanno e i fans ti acclameranno per il tempo stretto necessario alla vendita di pochi spot pubblicitari, poi sarai inevitabilmente costretto a firmare gli autografi nei centri commerciali, e a fare l’ospite nelle discoteche fino al giorno in cui finalmente (come nella favola di Pinocchio “Mangiafuoco deciderà di farti scendere dal carrozzone lasciandoti in mutande e senza speranze.
Un cantante usa l’arte per trasmettere emozioni al pubblico e lo deve saper fare non solo con il canto, ma anche con il corpo, la recitazione, insomma tutte le abilità espressive di cui dispone.
Questo Tipo di artisti non piace ai “mangiafuoco” dei talent perchè sono indipendenti, non sono costretti ad aspettare che qualcuno scriva qualcosa per loro, sanno come muoversi per realizzare il materiale necessario al loro successo.
Certom tutto diventa apparentemente più difficile, ma io sfido chiunque a ricordarsi adesso chi fu il terzo classificato della 2 o terza edizione di XFactor.

MA SIAMO SICURI CHE BASTI AVERE UN GRUPPO O CANTARE IN OCCASIONE DELLE SERATE KARAOKE PER DIVENTARE DEI BRAVI CANTANTI?

A volte si, esistono casi in cui la capacità intuitiva del cantante lo porta ad avvicinarsi molto all’eccellenza apparendo credibile, tuttavia risulta praticamente impossibile raggiungere un elevato livello di preparazione senza un metodo di studio alle spalle e un bravo vocal coach in grado di riconoscere i vizi vocali e i banali errori che ogni cantante tende a fare.

Articolo per interpretazione non adatto al titolo

SIAMO SICURI CHE AD UN CANTANTE BASTINO QUESTE ABILITÀ PER POTER ESPRIMERE CIÒ CHE DAVVERO SENTE NEL SUO PROFONDO?

Fu in seguito a questo quesito che qualche tempo fa capii cosa avrei dovuto fare per creare una SCUOLA DI CANTO DIVERSA da tutte le altre.

QUAL’È IL SIGNIFICATO DEL TERMINE “ESPRIMERE”?
2. a. Manifestare con parole, a voce o in scritto, i propri pensieri o sentimenti…” (Treccani)

io non sono d’accordo, secondo me la definizione è incompleta e la riformulerei in questo modo:
“Manifestare con parole e canto a voce, con il corpo ed i gesti, con il viso e le espressioni autentiche i propri pensieri e o sentimenti…”
Se non la pensi come me probabilmente la tua lettura del mio bolg si fermerà qui, ma se così non è forse ho acceso la tua curiosità perché…

MANIFESTARE I PROPRI SENTIMENTI È UN ESIGENZA DI TUTTI; CHI PIÙ CHI MENO TUTTI NE ABBIAMO IL BISOGNO.

A mio avviso, cantare è la forma d’arte più diretta che ognuno di noi possiede e che ci permette di esprimere questa necessità. Ecco perché, chi prima o chi dopo, tutti noi prima o poi abbiamo sentito l’esigenza di farlo; seppur in contesti semplici come in chiesa, in trattoria, sotto la doccia, oppure in circostanze un po’ più impegnative come gruppi corali, cover band’s, o piccole formazioni.

QUELLO CHE TI  MANCA È UN ESPERTO NEL CAMPO A TUA COMPLETA DISPOSIZIONE

Ebbene si perché le scuole di musica, in Italia, salvo rari casi sono spesso fondate e gestite da ex musicisti i quali, per varie ragioni non hanno intrapreso la strada dello show.
Esistono anche forme di business realizzate ad hoc dai produttori di strumenti musicali  allo scopo di educare potenziali artisti a suonare uno strumento musicale  i quali prima o poi acquisteranno i loro prodotti.
Tutte queste entità didattiche hanno un solo obbiettivo ovvero: Formare le abilità dell’individuo nell’esecuzione di opere musicali di qualsiasi genere.

Share : facebooktwittergoogle plus
pinterest

DIVENTARE CANTANTE MODERNO SI PUÒ

DIVENTARE CANTANTE MODERNO È POSSIBILE MA COME FARE?

QUANDO GUARDI UN TALENT SHOW DALLA TUA POLTRONA E TI CHIEDI:
“PERCHÈ Loro si e io no?”…

talent-show-clipart-7

Sei sicuro di aver risposto a questa domanda?
Molto probabilmente no. Esistono molti talent come American Idol, Pop Idol The x factor Popstars Italian got talent The Voice e tanti altri come quelli che arriveranno in futuro.
Ma sembra che salire su questi palchi sia praticamente impossibile. In realtà non è così…

Leggi tutto

Share : facebooktwittergoogle plus
pinterest

Musica jazz per matrimonio Vicenza

Musica jazz per matrimonio Vicenza

musica jazz per matrimonio VicenzaLa musica jazz per matrimonio trae le sue radici dal Jazz; un genere musicale contemporaneo la cui caratteristica principale si manifesta con l’improvvisazione di melodie, create durante l’esecuzione di progressioni armoniche e stesure prestabilite. Prendere in considerazione l’ingaggio di una formazione di musica Jazz per matrimonio è sicuramente una buona idea, laddove puntiate ad un ricevimento di carattere prevalentemente elegante, senza però aspettarvi che il gruppo di musica jazz per matrimonio possa suonare anche il repertorio adatto al ballo con musica commerciale.

Tuttavia la musica jazz per matrimonio contempla nel suo genere anche il ballo, basti pensare al charleston, il foxtrot, o ancora lo Swing East Coast; tutti stili di ballo più o meno facili da imparare. Inevitabile sottolineare che questi balli trovano le loro radici intorno agli anni ’20; epoca molto lontana dall’età media del pubblico che partecipa oggi ad un matrimonio. Risulterà quindi molto difficile trovare tra i vostri invitati un numero di candidati in grado di ballare la musica jazz per matrimonio, a meno che non provengano tutti da una scuola di ballo jazz. Resta comunque il fatto che la musica jazz per matrimonio offre alla prima parte del vostro ricevimento un’atmosfera davvero elegante senza contare che il contrabbasso ed un pianoforte sul palco hanno sempre il loro perché. Consiglierei quindi alle coppie di sposi orientate all’ingaggio di una formazione di musica jazz per matrimonio di valutare bene alcuni punti fondamentali:

  • La possibilità di ricavare uno spazio nell’ambiente in cui effettuerete il ricevimento, (preferibilmente quella in cui si consumerà l’aperitivo) utile almeno ad un trio di musica jazz per matrimonio che potrebbe ad esempio essere formato da batteria, contrabbasso e pianoforte. Tale area non può essere inferiore a dodici metri quadrati circa.
  • Se è vero che le formazioni jazz sono molto facili da creare, è anche vero che la musica jazz per matrimonio deve avere un repertorio standard, sono quindi da evitare artisti che eseguono brani di  stile Jazz molto difficile all’ascolto come ad esempio potrebbe risultare il free jazz.
  • Considerare che una formazione di musica jazz per matrimonio non può necessariamente avere le caratteristiche della musica per matrimonio, quindi preventivare anche l’ingaggio di un professionista che possa offrire musica per matrimonio e intrattenimento per matrimonio con musica moderna, oppure un DJ per matrimonio che si prenderà carico di intrattenere gli ospiti dopo il pranzo o la cena.

Franco Tufano può fornire anche servizio di musica jazz per matrimonio a Vicenza con formazioni in duo trio o quartetto a seconda del budget disponibile.

Tutto ciò ovviamente incide non poco nel budget finale, ma tutto dipende da quanto siete disposti a spendere perchè il vostro matrimonio possa diventare una festa indimenticabile.

Share : facebooktwittergoogle plus
pinterest

Karaoke per matrimonio Vicenza cerchiamo di capire se davvero è necessario

karaoke per matrimonioKARAOKE PER MATRIMONIO VICENZA

Va subito chiarita una fondamentale verità: IL KARAOKE È UN GIOCO!

Esso divenne molto diffuso in Giappone negli anni ’80 quando gli abitanti delle nazioni asiatiche si divertivano a cantare  canzoni famose nei locali pubblici davanti ad uno schermo sul quale scorrevano le parole del testo. Il quel periodo il gioco del karaoke ottenne molto successo. Era una sorta di videogioco e nulla più. Va da se che gli Italiani con la loro grande creatività abbiano pensato bene di farlo diventare una forma di intrattenimento. Premesso che questa attività possa risultare in taluni casi assai divertente, resta il fatto che è piuttosto improbabile riuscire nell’intento di intrattenere un pubblico per una intera giornata con il solo ausilio di un “gioco elettronico”.
Molto spesso gli sposi chiedono questo servizio semplicemente perché ormai è di moda, dimenticando forse che la buona riuscita di un ricevimento originale nasce dalla scelta di evitare laddove possibile le scelte che fanno per abitudine la maggior parte delle persone. Ecco perché quando ricevo una richiesta di ingaggio, cerco sempre di fissare un incontro gratuito e senza impegno con gli sposi nell’intento di rendere chiaro questo concetto in modo tale che essi possano optare consapevolmente le scelte più appropriate alle loro reali esigenze senza incorrere nel rischio di ritrovarsi poi nel giorno più importnate della loro vita con un pugno di mosche in mano. Nella mia ventennale esperienza ho visto pochissimi animatori professionisti se non nessuno che facciano spontaneamente uso del  Karaoke, per l’intrattenimento di un ricevimento, questo perché per poter espletare tale attività non è necessaria alcuna capacità artistica se non l’abilità di usare agevolmente un computer e un impianto di ampolificazione. Un artista professionista sa usare il suo appeal per conquistare l’attenzione del pubblico facendolo ballare, ridere, giocare e perchè no? Anche cantare nella giusta misura e rispettando i tempi  senza bisogno del Karaoke. 

Share : facebooktwittergoogle plus
pinterest

Dj per matrimonio Vicenza: come scegliere quello che fa per voi

Dj per matrimonio Vicenza

DJ PER MATRIMONIO VICENZA

iL DJ per matrimonio è una figura artistica molto di moda di questi tempi; proviamo ad analizzare questa figura artistica per capire quali parametri usare nella scelta:

A mio avviso è doveroso distinguere i DJ in due categorie anche se sarebbero molte di più:

  • “DJ da consolle”
  • “DJ animatori”.

La categoria “DJ da consolle” serve ad identificare il tipico DJ che non alza mai lo sguardo dalla consolle, la categoria dei DJ animatori per matrimonio invece, a mio avviso è più vicina alle esigenze degli sposi.

Premessa:

L’intrattenimento per un matrimonio, difficilmente viene effettuato in discoteca, se non a giornata terminata. L’intrattenimento per la festa di un matrimonio  quindi non è una serata in discoteca. La musica per matrimonio dovrà soddisfare varie tipologie di ospiti, dai parenti agli amici delle più disparate età; dai 0 ai 99 anni.

Ecco perché sconsiglio vivamente un “DJ da consolle”.

dj per matrimonio vicenzaPer sapere quali hit hanno fatto ballare più persone con diverse sensibilità e età è necessaria esperienza maturata nel tempo. Per sapere ad esempio quali brani siano i più gettonati negli anni ’70 (genere che piace soprattutto alle persone che in quell’epoca avevano orientativamente 20 anni) un DJ deve aver vissuto in quell’epoca e aver ballato quei brani. Va da se che se cerchiamo un DJ che sappia scegliere la musica più adatta per tutti coloro che hanno dai 20 ai 60 anni, questo dovrà avere ad oggi almeno una trentina d’anni di cui almeno 10 maturati sul campo. Un DJ per matrimonio quindi dovrà avere nel suo repertorio le hit di almeno 4 decadi per soddisfare le vostre esigenze, in più dovrà essere in grado di intrattenere il pubblico. Capire questo lato del professionista che andrete a consultare non è poi così difficile. Basta osservare il suo atteggiamento comunicativo per capire,  come poi si approccerà nei confronti degli ospiti che balleranno la musica del DJ per matrimonio che sceglierete.

Buna ricerca.

Share : facebooktwittergoogle plus
pinterest

PAGARE LA SIAE ONLINE

Marchio Siae

Siae Marchio

PAGARE LA SIAE ONLINE

É possibile pagare la SIAE online?

Si da oggi pagare la SIAE online è molto più pratico e facile. Attenzione però. Per pagare al SIAE online è necessario avere le idee chiare su cosa dichiarare al fine di pagare solo i permessi che servono e niente più. Io consiglierei di prendere un po’ del proprio tempo e usufruire dell’assistenza di un esperto presso un ufficio SIAE. Pagare la SIAE online può essere comodo ma anche molto oneroso

Capita spesso che gli sposi mi pongano la solita domanda: “…nel prezzo della musica per matrimonio è compresa la SIAE?”

Il permesso della SIAE relativo alla musica per matrimoni è a carico dell’organizzatore della Festa (in questo caso uno degli Sposi) come specificato al punto 5 di questa pagina del sito ufficiale della SIAE.

A volte questa pratica viene assolta dai ristoratori o dal gestore del catering, ma sempre previo accordo con gli sposi, in ogni caso, mai dal musicista a meno che egli non voglia assumere il ruolo di “organizzatore musica per matrimonio” senza possederne il titolo. (qualcuno lo fa…contento lui…)

PERCHÉ CI TOCCA PAGARE LA SIAE?

Perché si usufruisce dell’ingegno del compositore musicale a fini economici o di pubbliche relazioni (come nel caso della musica per matrimonio).
Se il ricevimento del vostro matrimonio viene effettuato un ambiente privato durante il quale non ci si avvale del contributo professionale di operatori come per esempio catering, musicisti pagati, o affitto di strutture abilitate ad ospitare un pubblico, si è esenti dal pagamento dei relativi diritti SIAE.

QUANTO COSTA LA SIAE?
Il costo del permesso SIAE oscilla tra i 173,50 euro e i 573 euro, considerate che la tariffa più bassa è in genere quella più applicata. Qui potrete scaricare una tabella molto chiara direttamente dal sito ufficiale della SIAE
Ricordate che i prezzi SIAE relativi alla musica per matrimonio sono riferiti ad un servizio di “Intrattenimento con ballo” se pensate che durante il vostro matrimonio non sia previsto il ballo. Sappiate che si può ottenere il permesso SIAE ad un prezzo che si aggira intorno ai 130 euro. “Chiedete e vi sarà dato”

DOVE SI PAGA LA SIAE?
Il permesso SIAE si può ottenere nell’ufficio di competenza del luogo in cui effettuerete la festa, (molto spesso non corrisponde a quello più vicino a casa vostra) vi consiglio di informarvi presto il gestore della villa o ristorante che ospiterà il vostro ricevimento nuziale egli vi saprà certamente indicarvi contatti e indirizzo.
Per ogni evenienza qui troverete l’elenco di tutte le agenzie d’Italia.
E’ un’operazione semplice che richiede pochi minuti, basterà collegarsi con il sito della SIAE e registrarsi per pagare la SIAE online. Oppure recarsi nell’ufficio di competenza dove vi consegneranno il relativo permesso e il programma musicale siae (erroneamente chiamato “bordereau“) che dovrete poi dare al musicista, il quale a sua volta lo compilerà trascrivendo i titoli dei brani eseguiti durante il servizio di musica per matrimonio e ve lo restituirà la sera stessa, in modo tale che poi voi possiate restituirlo alla SIAE entro una settimana trascorso il giorno delle vostre nozze.

 

Share : facebooktwittergoogle plus
pinterest

1 2 3 4
Visit Us On FacebookVisit Us On YoutubeVisit Us On Google PlusVisit Us On LinkedinCheck Our Feed